• Alkam

Tra idee e divertimento: risultati eccezionali con budget limitati. Il Progetto per Birra Eretica


birra-eretica-creatività

Nel settore delle birre si rivela essere di estrema importanza l'etichetta che si sceglie di utilizzare.


Abbiamo già trattato le normative vigenti in questo campo. La medesima importanza assume però la creatività che è possibile generare nel rispetto delle stesse. Per questa ragione abbiamo deciso di presentarti un progetto realizzato lo scorso anno.


Il cliente

Il birrificio Birra Eretica nasce nel 2011 dall'unione di un gruppo di amici accomunati dalla passione per orzi e luppoli, Luciano Parolini, Paolo Piazza e Ilario Limonta.


L' impianto, sito a Ornago (località brianzola, in provincia di Monza) è un comparto d’ammostamento da 12 ettolitri come capacità su singola cotta; una produzione annua attestata mediamente attorno ai 550 ettolitri.


Le birre sono tipiche del repertorio tradizionale tedesco, ma la gamma accoglie nell’insieme anche ispirazioni belghe e britanniche.


Il progetto

Siamo stati contattati da Birra Eretica per realizzare delle specifiche ed innovative etichette.


L'esigenza dell'azienda era quella di valorizzare il prodotto attraverso un particolare design delle etichette, senza però andare incontro a costi insostenibili.


Dopo una serie di valutazioni con il cliente, abbiamo optato per un' etichetta standard con una finitura plastificata opaca ed una vernice serigrafica lucida.


Sono state realizzate più varianti a seconda della tipologia di birra, mantenendo però come linea comune la presenza di quadri di un noto pittore della Brianza: Elio Nava.


Il contrasto che abbiamo voluto generare tra le immagini del pittore ed il nero di fondo, rende le etichette di una particolarità ed eleganza mai vista sino quel momento.


Questo progetto dimostra come, confrontandosi e collaborando, ci sia con noi la possibilità, anche per piccoli o medi produttori, di raggiungere incredibili risultati senza investire budget troppo elevati.


Il risultato, lo trovi di seguito. Cosa ne pensi?



0 commenti