• Alkam

Green packaging: i trend per il 2022

Aggiornamento: 3 feb



In un contesto sempre più sensibile ed attento al tema della sostenibilità, il mondo del packaging è sotto la lente d’ingrandimento dei consumatori. Questi ultimi ne richiedono, infatti, maggiore riciclabilità e vogliono conoscere i materiali di cui è composto.


Dati alla mano, possiamo dunque affermare che il green packaging sia ormai parte integrante del processo d'acquisto.


Un tema che suscita grande interesse anche sul web, visti i trend di ricerca.


L'eliminazione dell'utilizzo della plastica nei packaging è sempre più richiesta dai clienti, e l'innovazione a livello di packaging design assume molteplici forme.


Oltre all'eliminazione della componente plastica dai packaging, il consumatore è attento alla riduzione delle emissioni di carbonio: le aziende produttrici prestano attenzione a comunicarne la riduzione sull'involucro del prodotto.


Altri risultati emersi dalle analisi sulle ricerche di mercato sono, ad esempio, l'utilizzo di materiali compostabili e biodegradabili, oltre all'attenzione posta sull'impiego di contenitori riutilizzabili e sulle relative ricariche.


L'essere sensibili ed attenti alle esigenze dei consumatori permette alle aziende proattive di differenziarsi dalla concorrenza, ottenendo così un vantaggio competitivo e maggiori benefici.


Gli spunti sopra elencati hanno quindi il potenziale di generare mutamenti significativi e di lungo termine nelle scelte d’acquisto.


Gli obiettivi del green packaging


Uno dei principali obiettivi del mondo del green packaging è senza dubbio quello di contribuire in modo positivo al processo di crescita economica, ponendo attenzione a ridurre gli effetti negativi frequentemente associati al settore.


Questo rappresenta a tutti gli effetti un filo comune per i trend previsti per questo 2022, quali:

  • la riduzione delle dimensioni e del peso delle confezioni;

  • il potenziamento delle attività di riciclo delle materie rinnovabili (ad es. carta, cartone, etc.);

  • l’impiego crescente di nuovi materiali derivanti da fonti rinnovabili;

  • l’utilizzo sempre maggiore di materie sostenibili, come quelle derivanti da fibre alternative o plastiche riciclate.

In Alkam abbiamo già introdotto da diversi anni materiali come:
  • carta derivante da fibra di canna;

  • carta naturale derivante da fibra di uva;

  • carta naturale derivante da scarti di mele​;

  • carta ricavata da lavorazioni di ​canna da zucchero.

I principi del green packaging


Il Green Packaging rappresenta il punto di equilibrio tra la crescita economica e lo sviluppo ecologico del prodotto confezionato.


Le sue caratteristiche distintive sono:

  • le tecniche moderne e strumentazioni ecologiche ad impatto “zero” nel totale rispetto dell’ambiente, detta anche tecnologia environmentally-friendly;

  • il risparmio delle risorse, sia dal punto di vista energetico che produttivo del prodotto-packaging;

  • durante il suo life-time, il green packaging arreca danni nulli o marginali all’ambiente e alla salute delle persone. Questo grande vantaggio rafforza quanto argomentato fino ad ora: le aziende devono essere in grado di offrire imballaggi ecosostenibili, al fine di ridurre sprechi e minimizzare le conseguenze a livello ambientale.

Le etichette come mezzo di comunicazione


L’etichetta ed il packaging sono strettamente correlati tra loro, completandosi l'una con l'altro. Questa simbiosi crea la veste del prodotto, donandogli una propria identità.

Questa relazione va pensata e progettata anche in termini di sostenibilità.


L'utilizzo di materiali e di inchiostri, con bassissimo impatto ambientale, permette di creare un packaging interamente sostenibile nella sua completezza.


Il mondo non può permettersi di continuare a sprecare materiali: è ora di pensare oltre alla finalità del prodotto stesso.


Grazie all'esperienza maturata in ambito di stampa con forte vocazione verso il green, Alkam si è posta l'obiettivo di progettare etichette al fine di migliorare il nostro pianeta, dando la possibilità di ridurre il consumo di risorse naturali e muoversi verso un'economia circolare e rigenerativa.


0 commenti